AROMATERAPIA CHEMIOTIPIZZATA

ALAMBICCO
AROMATERAPIA
2 dei più bei libri di aromaterapia, il primo Aromatherapie exactement fu il primo trattato scientifico sull’uso degli oli esenziali , va a Pierre Franchomme e coll. il merito di aver stilato i criteri per l’utilizzo corretto degli oli essenziali. Egli ha introdotto i criteri di definizione di un olio essenziale:la specie botanica, l’organo produttore e il concetto di chemiotipo ossia il “principio attivo” degli oli essenziali. Nozione fondamE per un utilizzo appropriato di questi concentrati della natura.
La “carta d’identità ” di un olio deve avere almeno 3 criteri guida
1) LA SPECIE BOTANICA composta dal genere ad esempio LAVANDA seguita dalla specie ad esempio ANGUSTIFOLIA perchè esistono numerose specie di lavanda alcune molto diverse le une dalle altre con indicazioni completamente differenti e possibili controindicazioni. Per esempio la LAVANDA STOECHAS contiene dal 25 al 42% Fenchone e dal 15 al 28% di Canfora due composti abortivi e neurotossici e nessun chemiotipo “calmante” che invece ha la LAVANDA ANGUSTIFOLIA o VERA. Perciò scrivere metti 10 gocce di Lavanda nella vasca da bagno è improprio se non si scrive che tipo di lavanda.
2) La specifica dell’eventuale organo produttore della pianta ossia da che parte della pianta si ricava l’olio essenziale. Ad esempio l’arancio può dare 3 tipi di oli essenziali completamente diversi dalle foglie si ricava per distillazione un olio molto calmante come la lavanda vera ossia il PETIT GRAIN BIGARADE che contiene fino al 50 e più % di ESTERI i chemiotipi “calmanti”, mentre dalla buccia di arancio si ricava per pressione un olio ricco in Limonene potente detossificante epatico e antisettico atmosferico, fino al 90 % di limonene, ma la percentuale degli esteri è molto inferiore all’olio ricavato dalle foglie. Dai fiori si ricava l’olio essenziale di Neroli dal profumo meraviglioso e dal costo proibitivo ma a dispetto del profumo è molto più antisettico che calmante. Monoterpenoli dal 40 al 45% (chemiotipi antiinfettivi) Monoterpeni dal 35 al 40% (antisettici) gli esteri (calmanti) dal 4 al 20%.
3) infine l’elemento determinante come accennato sopra il o i chemiotipi presenti Linalolo, Carvacrolo ecc che un esperto di aromaterapia conosce e sa quindi come utilizzarli, come diluirli e quando invece non utilizzarli.
Il secondo è un trattato di Faucon molto interessante e aggiornato.
Questi due libri (e molti altri) sono pietre miliari dell’aromaterapia alla francese”che consiglio vivamente…e ovviamene rigorosamente in Francese. Comunque in internet ci sono ottimi siti (sempre in francese tipo aroma-zone, pranarom, florame, passportsante.net ecc) dove descrivono la composizione biochimica degli oli…buona lettura
La prima foto è lavanda angustifolia la seconda è la stoechas simili nel fiore completamente diversi gli oli.
foto di Daniele Santagà.
foto di Daniele Santagà.
foto di Daniele Santagà.
foto di Daniele Santagà.
Pubblicato in Naturopatia, News
2 commenti su “AROMATERAPIA CHEMIOTIPIZZATA
  1. Marzia D'Annibale scrive:

    Dottore a mia figlia di 14 anni il naturopata ha consigliato Estromin perché il ciclo era molto irregolare. Lo ha preso per 3 mesi ed è andato benissimo, ciclo regolare e flusso normale. Ora lo ha smesso da un mese ed il ciclo, pur essendo arrivato regolarmente è molto molto scarso. La domanda è: si può prendere Estromin per periodi lunghi ?

  2. Marzia D'Annibale scrive:

    Dottore a mia figlia di 14 anni il naturopata ha consigliato Estromin perché il ciclo era molto irregolare. Lo ha preso per 3 mesi ed è andato benissimo, ciclo regolare e flusso normale. Ora lo ha smesso da un mese ed il ciclo, pur essendo arrivato regolarmente è molto molto scarso. La domanda è: si può prendere Estromin per periodi lunghi ? Grazie

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Commenti recenti
  • Daniele Santagà { Buona sera non e certo nei componenti ma per esserne certa al 100% dovrebbe chiedere all Avd reform di Parma che lo produce loro sapranno... } – 29 giu 2019 20:59
  • Azzurra { Salve dottore, può dirmi se l'integratore estromin contiene nichel? Grazie mille. } – 29 giu 2019 17:09
  • ANNA MARIA EVANGELISTI { Buongiorno, nel mio caso l'alterazione del senso del gusto non è ascrivibile a nessuno dei motivi da lei riportati, (sono astemia, non fumo, non ho... } – 20 giu 2019 08:54
  • Daniele Santagà { Allora la perdita del senso del gusto può avere molte cause, Le cause più comuni della perdita del gusto Anche se non si possono escludere... } – 17 giu 2019 11:04
  • ANNA MARIA EVANGELISTI { Buongiorno, ritorno sull'argomento per segnalare che fortunatamente dalle analisi non ho una candidosi orale, ma che sta comunque perdurando l'alterazione del senso del gusto. Nel... } – 17 giu 2019 09:38
  • elisabetta { E allora eventualmente che integratore mi consiglierebbe? Grazie infinite } – 22 mag 2019 11:53
  • Daniele Santagà { Allora dovresti chiedere al neurologo che segue tuo padre perché la vitamina B6 e in alcuni casi potrebbe dare interferenza ma non con madopar questo... } – 22 mag 2019 10:17
  • elisabetta { Buon giorno,volevo sapere se me lo consiglia per mio padre malato di Parkinson,è in terapia con il madopar ma accusa sempre spossattezza e anche l’umore... } – 22 mag 2019 10:01
  • Daniele Santagà { Buongiorno verifichi con il medico che non si tratti appunto di una candidosi orale Ma in ogni caso il nevranil nulla può creare sulla lingua... } – 20 mag 2019 14:55
  • Anna Maria { Ho assunto il Nevranil per pochi giorni per la fibromialgia ed una neuropatia ai piedi conseguente una fascite plantare. Ho cominciato ad avere prima un'alterazione... } – 20 mag 2019 14:40
  • Older »