Aromaterapia

GattefosseTermine francese coniato nel 1935 da Rene Maurice Gattefosse.

Che in seguito ad un ustione accidentale che si era procurato lavorando nella distilleria di oli essenziali di famiglia, trovò sollievo immergendo la mano ustionata in un contenitore di Lavanda Latifolia che aveva a portata di mano. La guarigione fu spettacolare tanto che si dedicò da quel momento più allo studio dei poteri terapeutici dell’olio essenziale anziché all’utilizzo come profumi. Molti autori seguirono queste orme tracciate da questo pioniere, basti pensare a Jean Valnet che utilizzò gli oli essenziali in guerra al posto di antibiotici e altri farmaci per dar sollievo ai soldati feriti e fu un pioniere molto noto anche in Italia grazie ai suoi libri.

Ma il vero padre dell’aromaterapia scientifica moderna è sicuramente Pierre Franchomme che nel 1975, con il suo libro Aromatherapie Exactement gettò le basi per un uso degli oli essenziali su criteri scientifici.

A lui si deve il concetto di OLI ESSENZIALI CHEMIOTIPIZZATI ossia un’analisi chimica per determinare i chemiotipi ovvero i principi attivi contenuti negli oli essenziali. Differenziando le varie specie botaniche e biochimiche degli oli essenziali stessi. Questo concetto scientifico di nomenclatura degli oli oggi è sempre più utilizzato anche se in Italia siamo ancora un po’ in ritardo. Si trovano oli essenziali chiamati solo per genere ad esempio Lavanda senza considerare che esistono vari tipi di Lavanda anche molto diversi tra loro, come il caso di Lavanda Angustifolia detta lavanda vera, che è quella che tutti conosciamo come calmante e antiinfiammatoria mentre esiste Lavanda Stoechas che è invece ricca in chetoni che sono mucolitici ma anche abortivi e neurotossici. Oggi non si può scegliere un Olio essenziale a caso, solo perché il nome è noto, bisogna essere molto precisi onde evitare errori a volte con conseguenze anche gravi.

Ponzo ripeteva sempre L’aromaterapia non è una medicina dolce, bisogna conoscerla.

Nella foto sono con Pierre Franchomme ad un congresso di Reformed a Torino, un grande onore per me.

Franchomme Santagà

 

Taggato con: ,
Pubblicato in Naturopatia

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Commenti recenti
  • Francesca { Buonasera. Mi chiamo Francesca e ho appena compiuto 46 anni. Assumo estromin in modo continuativo( intendo senza fare pause) da almeno 2 anni poiché la... } – 30 ago 2020 19:29
  • Daniele Santagà { buongiorno nessun componente puo dare agitazione il te verde e deteinato la vit b6 e calmante l agnocasto regola gli estrogeni con effetto calmante cosi... } – 5 ago 2020 09:34
  • Ilaria { Buon giorno dottore,l.assunzione di estromin mi crea agitazione è possibile? } – 5 ago 2020 07:33
  • Fabiola { Lo sto prendendo per diminuire gli estrogeni, per via di un fibroma, quindi sto cercando di non farlo aumentare troppo e ridurre un po' l'emorragia... } – 5 lug 2020 08:44
  • Daniele Santagà { Buona sera e sempre bene chiederlo al medico. Comunque vi sono evideze che possa ridurre l eccesso di estrogeni e aumentare i livelli di progesterone... } – 4 lug 2020 21:18
  • Fabiola { Buonasera, le volevo chiedere se estromin si può prendere assieme al medicinale Primolut Nor (è un progestinico). Grazie } – 4 lug 2020 20:59
  • Claudia { Grazie e buona giornata } – 24 giu 2020 11:59
  • Daniele Santagà { Si certo si puo associare } – 24 giu 2020 09:01
  • Claudia { Buongiorno, le volevo chiedere se estromin lo posso abbinare ad altre erbe, nello specifico Rubus, ribes nigrum e sequoia gigantea. Per fibroma uterino. Grazie } – 24 giu 2020 08:22
  • Daniele Santagà { Buonasera non sono note in letteratura,scientifica interazioni con farmaci specialmente nella forma fitosomata che si usa nella boswellia di flogisen } – 21 mar 2020 23:19
  • Older »