ESERCIZIO FISICO INTENSO INFIAMMAZIONE STRESS OSSIDATIVO CELLULARE INVECCHIAMENTO. Curcuma e Boswellia azione antinfiammatoria e antiossidante

L’attività fisica, assieme all’alimentazione, rappresenta la miglior assicurazione verso la longevità come ormai dimostrato da numerosi studi. L’attività fisica però, se praticata in maniera eccessiva o errata, può causare più danni che vantaggi, specialmente con l’avanzare dell’età. Pertanto chi si allena in maniera regolare da anni deve tener sotto controllo l’infiammazione cronica e lo stress ossidativo cellulare che ne deriva (radicali liberi, AGEs, lipoperossidazione ecc).

Ricordo che l’esercizio fisico intenso è un attivatore dell’NFkB, il fattore di trascrizione cellulare che attiva la produzione di citochine infiammatorie,come dimostrato anche in questo studio:

Antioxid Redox Signal. 2001 Dec;3(6):1131-7.
Physical exercise induces activation of NF-kappaB in human peripheral blood lymphocytes.
Vider J1, Laaksonen DE, Kilk A, Atalay M, Lehtmaa J, Zilmer M, Sen CK.

“Questo studio da la prima evidenza che l’esercizio fisico (80% maximal O2 consumption 1h) può stimolare l’attivazione del complesso proteico NFkB ..I livelli plasmatici dei prodotti dell’NFkB come il tumor necrosis factor alfa e l’interleukina 2 confermano che l’esercizio fisico, causa attivazione del’NFkB. L’attivazione dell’NFkB nei linfociti indotta da esercizio fisico era associata ad un elevato livello di perossidazione dei lipidi nel plasma.”
La perossidazione dei lipidi porta a danni membrana cellulare e alla ossidazione del colesterolo innescando la formazione di placca ateromasica.

In uno studio recente pubblicato su Nutrients del Novembre 2016 da ricercatori dell’Università di Padova dal titolo
Curcumin and Boswellia serrata Modulate the Glyco-Oxidative Status and Lipo-Oxidation in Master Athletes.
Chilelli NC1 e coll.
si evidenzia come l’esercizio fisico intenso sia associato ad una elevata induzione di stress ossidativo (radicali liberi) e con un eccesso di prodotti endogeni di glicazione avanzata AGEs (legame non enzimatico tra zuccheri e proteine dalla elevata capacità ossidativa).
La curcumina, principio attivo della curcuma può ridurre l’accumulo di AGEs sia in vitro che in vivo e in modelli animali, in questo studio si è esaminato l’azione congiunta di curcumina e boswellia serrata per 3 mesi per vedere se venivano modificati i markers dello stress ossidativo, infiammazione e glicazione in atleti master (ciclisti) in buona salute.
conclusione: i dati suggeriscono un effetto positivo della supplementazione di curcumina e boswellia serrata sulla glicossidazione e sulla lipoperossidazione negli atleti master sottoposti ad intenso esercizio.

Il problema della curcuma e dei suoi principi attivi così come gli acidi boswellici ossia i principi attivi maggiori della boswellia serrata è la scarsa biodisponibilità orale. Il problema può essere risolto con l’aggiunta dello zenzero che invece facilità il passaggio dei principi attivi nel sangue facendo superare la barriera gastrointestinale oppure vanno presi in forma fitosomata cioè complessati con lecitina di soia e allora la biodisponibilità dei principi attivi aumenta di molto per toccare punte di 29 volte in più come nel caso della curcuma fitosoma e almeno 7-10 volte di più nel caso della Boswellia

L'immagine può contenere: cibo
L'immagine può contenere: cibo
Nessun testo alternativo automatico disponibile.
Nessun testo alternativo automatico disponibile.23754704_1931920480158371_2376829799061962467_n
Pubblicato in Naturopatia, News

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Commenti recenti
  • ANNA MARIA EVANGELISTI { Buongiorno, nel mio caso l'alterazione del senso del gusto non è ascrivibile a nessuno dei motivi da lei riportati, (sono astemia, non fumo, non ho... } – 20 giu 2019 08:54
  • Daniele Santagà { Allora la perdita del senso del gusto può avere molte cause, Le cause più comuni della perdita del gusto Anche se non si possono escludere... } – 17 giu 2019 11:04
  • ANNA MARIA EVANGELISTI { Buongiorno, ritorno sull'argomento per segnalare che fortunatamente dalle analisi non ho una candidosi orale, ma che sta comunque perdurando l'alterazione del senso del gusto. Nel... } – 17 giu 2019 09:38
  • elisabetta { E allora eventualmente che integratore mi consiglierebbe? Grazie infinite } – 22 mag 2019 11:53
  • Daniele Santagà { Allora dovresti chiedere al neurologo che segue tuo padre perché la vitamina B6 e in alcuni casi potrebbe dare interferenza ma non con madopar questo... } – 22 mag 2019 10:17
  • elisabetta { Buon giorno,volevo sapere se me lo consiglia per mio padre malato di Parkinson,è in terapia con il madopar ma accusa sempre spossattezza e anche l’umore... } – 22 mag 2019 10:01
  • Daniele Santagà { Buongiorno verifichi con il medico che non si tratti appunto di una candidosi orale Ma in ogni caso il nevranil nulla può creare sulla lingua... } – 20 mag 2019 14:55
  • Anna Maria { Ho assunto il Nevranil per pochi giorni per la fibromialgia ed una neuropatia ai piedi conseguente una fascite plantare. Ho cominciato ad avere prima un'alterazione... } – 20 mag 2019 14:40
  • Daniele Santagà { Esattamente come per un adulto cioe una pranzo una a cena. } – 20 apr 2019 11:20
  • Marco { Salve, Quale è il dosaggio indicato per un bambino di 12 anni con un peso di 64 kg? Grazie } – 20 apr 2019 06:53
  • Older »